loader image

Steve Jobs: l’innovatore che “pensava differente”

16 Ott 2019 | Pausa Pranzo Nerd

Il 16 ottobre è la giornata scelta dal governatore della California per celebrare Steve Jobs, co-fondatore di Apple e pioniere di una lunga serie di innovazioni tecnologiche. 
Non smetteremo mai di dirgli grazie.

in poche parole…

Nome
Steven Paul Jobs

Noto come
Steve Jobs

Lavoro
Imprenditore, informatico e inventore

Data di nascita
24 febbraio 1955

Luogo di nascita
San Francisco, California

Data di morte
5 ottobre 2011

Luogo di morte
Palo Alto, California

Genitori
Paul Reinhold Jobs e Clara Hagopian (adottivi)
Joanne Carole Schieble e Abdulfattah Jandali (biologici)

Relazioni importanti
Chris Brennan
Diane Keaton
Joan Baez
Laurene Powell (moglie dal 1991)

Figli
Lisa (dalla relazione con Chris Brennan)
Reed, Erin e Eve (dal matrimonio con Laurene Powell)

Tributi e omaggi
I pirati di Silicon Valley, film per TV del 1999 di M. Burke
The Pixar Story, documentario del 2006 di L. Iwerks
Steve Jobs, l’intervista perduta, documentario del 2010 di P. Sen
Jobs, film del 2013 di J.M.Stern
Steve Jobs, film del 2015 di D. Boyle
Steve Jobs: The Man in the Machine, documentario del 2015 di A. Gibney

Steve Jobs, classe 1955, è nato con il nome di Abdul Latif Jandali ed è il figlio biologico di due studenti universitari del Wisconsin, Joanne Schieble e Abdulfattah “John” Jandali. I due ragazzi, tuttavia, scelsero di dare il bambino in adozione e di ultimare entrambi gli studi. Si sposarono dopo la laurea ed ebbero una seconda figlia, Mona. Steve Jobs riuscì a scoprire la loro vera identità solo nel 1982.

Ad adottare uno dei più geniali prodigi degli ultimi anni furono una contabile e un meccanico per auto, Clara e Paul Jobs. La coppia era originaria della Mountain View, in California, proprio la zona che a breve sarebbe diventata nota come Silicon Valley. In breve: era il destino che chiamava Jobs.

steve-jobs-bambinoSteve Jobs a 10 anni

Sebbene fosse particolarmente intelligente e creativo anche da bambino, il suo periodo scolastico si rivelò particolarmente frustrante a causa della natura vivace. Il piccolo Steve si annoiava con molta facilità ed era avvezzo a fare scherzi ai suoi compagni di classe, costringendo il suo professore del quarto anno a corromperlo pur di farlo studiare. 
La sua intelligenza sopra la media si fece tuttavia notare: i suoi insegnanti proposero ai Jobs di fargli saltare le medie e di farlo entrare direttamente al liceo, ma la proposta venne declinata.

Dopo il liceo, Jobs si iscrisse al Reed College di Portland, nell’Oregon, ma si sentiva privo di un vero obiettivo e abbandonò l’università dopo appena sei mesi, preferendo frequentare dei corsi creativi. Fra questi corsi ci fu un corso di calligrafia che, come più tardi avrebbe raccontato, fu fondamentale per la nascita del suo amore per la tipografia.

Nel 1974, Jobs iniziò a lavorare come designer di videogiochi per la Atari, ma anche quest’esperienza non riuscì ad appagarlo completamente. Pochi mesi più tardi, si licenziò e partì per compiere un percorso spirituale in India, pieno di meditazione e droghe psichedeliche. 

“L’unico modo per fare un gran bel lavoro è amare ciò che fate. Se non avete ancora trovato ciò che fa per voi, continuate a cercare, non fermatevi… come capita con le faccende di cuore, capirete di averlo trovato solo quando lo avrete davanti”.

Steve Jobs

 

l’amicizia con “the woz”

Steve Jobs e Steve Wozniak si conobbero da giovanissimi, mentre il primo frequentava ancora il liceo e il secondo studiava all’Università della California. I due fondarono la Apple Computer il 1 aprile del 1976, con sede azionaria nel garage dei genitori di Jobs, dove insieme progettarono il primo computer, l’Apple I
Le strategie di marketing di Jobs portarono Apple a una crescita quasi immediata: solo tre anni dopo l’uscita del loro secondo modello, l’Apple II, le vendite della società erano aumentate del 700% e sfioravano i 140 milioni di dollari. Nel 1980, Apple sbarca in Borsa: dopo il suo primo giorno “di battesimo”, chiuse con un valore di mercato di oltre un miliardo di dollari. Sembrava che tutto dovesse correre in discesa per Apple, ma purtroppo un’improvvisa serie di prodotti difettosi finì per deludere la maggior parte dei consumatori e fece retrocedere Apple nelle vendite a vantaggio dei PC.

Nonostante la strepitosa uscita del Macintosh nel 1984 e la sua evidente superiorità nei confronti dei computer concorrenti, l’incompatibilità fra Mac e PC si rivelò negativa per le vendite. Nel 1985, dopo essere stato accusato di essere la causa della crisi della Mela, Jobs lasciò la Apple.

In cerca di nuovi orizzonti, Jobs fondò la NeXT Computer – e si ritrovò a gestire non pochi problemi in tribunale con la stessa Apple – e acquistò una casa di produzione allora quasi sconosciuta: la Pixar. La NeXT iniziò a produrre computer dalle prestazioni sbalorditive, incredibilmente più potenti dei concorrenti, ma il loro prezzo non era accessibile e l’azienda non fu mai in grado di emergere realmente. Al contrario, invece, nel 1995 la “piccola” Pixar realizzò il primo grande capolavoro di computer grafica in 3D, Toy Story

“Il mondo che ti circonda è stato costruito da persone non più intelligenti di te”.

Steve Jobs

È il 1997 quando Jobs viene richiamato alla Apple. Dopotutto, era stato lui a farla decollare negli anni Settanta, quindi era sembrato logico che spettasse a lui l’onere e l’onore di risollevarla.
Ed ecco la ricetta di Jobs: un nuovo team organizzativo, un sacco di modifiche e un salario annuale che lui stesso si fissò a un dollaro. Il suo genio fece uscire sul mercato dei capolavori come l’iMac, affiancate da campagne pubblicitarie efficaci, coraggiose e intraprendenti – proprio come il loro creatore.
I consumatori tornarono ad acquistare i prodotti Apple come se non avessero mai voluto altro. Partiva l’era delle innovazioni della mela: il Macbook, l’IPod e l’IPhone, pronti a dettare nuove leggi alla tecnologia. 
Con Jobs alla guida, ogni nuovo prodotto di Apple era seguito da una corsa agli armamenti di tutte le società concorrenti, che invano tentavano di copiare le sue idee fuori dal comune.
Nel frattempo si susseguivano anche i successi della Pixar: con film d’animazione premiati come Alla Ricerca di Nemo e Gli Incredibili, il valore dell’azienda raggiunse livelli mai visti prima, fino alla sua fusione con la Disney nel 2006.

 

il cancro e la morte

Nel 2003 gli venne diagnosticato un tumore al pancreas che, nonostante i successivi interventi e i tentativi di Jobs di tenerlo nascosto, si rivelò con il passare degli anni sempre più debilitante. Nell’estate del 2011 fu costretto a lasciare le redini di Apple nelle mani di Tim Cook. Il 5 ottobre del 2011 una recrudescenza del carcinoma scatenò un arresto respiratorio che gli fu fatale.

“Siate affamati. Siate folli”.

Steve Jobs

 

Grazie, Steve.

 

Fonti – Biography.com |Wiki

potresti essere interessato anche a:

Come liberare la memoria su Android

Come liberare la memoria su Android

Il problema della memoria piena su nostri smartphone è piuttosto frequente, soprattutto quando possediamo dei modelli un po’ “vecchiotti”. Quando compare l’odiato messaggio di memoria piena non occorre disperare subito: impariamo a svuotarne accuratamente la memoria!
Iscrivendoti alla newsletter acconsenti al trattamento dei dati personali.
Per ulteriori informazioni clicca qui.
Iscrivendoti alla newsletter acconsenti al trattamento dei dati personali.
Per ulteriori informazioni clicca qui.

Via Cento, 208 - 44049 Vigarano Mainarda - FERRARA | Tel. +39 0532 436579 | info@grafema.net

2018 © Grafema S.r.l | P.IVA 01651590380 | Codice Destinatario T04ZHR3 | Privacy | Cookie Policy